Moto Guzzi

Design e funzionalità…
anche nei piccoli dettagli

Moto Guzzi V85 TT è sinonimo di praticità, di prestazioni, di comfort. Ma anche di fascino e stile. Quello senza tempo delle classic enduro da viaggio. Basta un’occhiata al frontale per rendersene conto, con il parafango anteriore, alto come si conviene alle proposte più specialistiche, che guida l’osservatore verso quello che è uno dei tratti più caratteristici di questa moto, il gruppo ottico anteriore. Un dettaglio dal design molto elaborato, un chiaro omaggio a quello doppio delle moto da rally che affrontavano trasferte continentali in condizioni spesso proibitive. Massima visibilità anche di notte e un impatto scenico certamente importante. Queste caratteristiche sono state riprese nel fanale di Moto Guzzi V85 TT progettato, disegnato e realizzato sfruttando la tecnologia Full Led. I due elementi rotondi affiancati, che svolgono le funzioni di anabbagliante e abbagliante, sono idealmente collegati dal logo Moto Guzzi collocato in posizione centrale. Un tocco di classe per una soluzione di design che contribuisce ad elevare la funzionalità complessiva.

Massima visibilità anche di giorno con il Day Running Light

Incastonata al centro dei due fanali è presente un’aquila stilizzata che ha una doppia funzione: luce di posizione durante la marcia notturna (la potenza è di circa 2W) e DRL (Day Running Light) nella guida diurna, con una potenza di circa 9W. Perché essere visti dagli automobilisti, dai motociclisti o semplicemente dai pedoni è la prima regola per evitare di ritrovarsi in situazioni spiacevoli. Una soluzione che senza dubbio aumenta gli standard di sicurezza.
Risultare ben visibili in ogni condizione di luce è importante quanto una perfetta illuminazione all’imbrunire o nella guida notturna. In questo senso, il layout di accensione dei due elementi rotondi è alquanto particolare e distintivo: la funzione anabbagliante è svolta da due led nella parte superiore esterna e due nella parte inferiore interna, con una singolare disposizione a scacchiera. La potenza totale è di ben 25W. La funzione abbagliante, invece, attiva tutti i led presenti all’interno del doppio proiettore garantendo una potenza totale di 45W.
Il fascio luminoso prodotto dal fanale di Moto Guzzi V85 TT ha nella larghezza, nell’omogeneità e nella profondità i suoi punti di forza; basti pensare che la potenza massima nella funzione anabbagliante è di 45 lux a 25 metri, che salgono a 73 lux nella funzione abbagliante. Il tutto senza gravare la moto di un peso eccessivo: ottimizzando ogni dettaglio del gruppo ottico è stato possibile contenere a 1,3 kg la massa di questo componente.

Due diamanti incastonati in una struttura d’acciaio

Il fanale anteriore di Moto Guzzi V85 TT è vincolato al supporto della strumentazione mediante una razionale e appariscente struttura in tubi di acciaio. Quest’ultima riprende idealmente il traliccio posteriore che incornicia la porzione di sella del passeggero e che funge da portapacchi e da maniglione di sicurezza. Dietro sono incastonati, come piccoli diamanti, i due elementi circolari che formano il gruppo ottico posteriore. Quest’ultimo riprende la stessa tecnologia a Led del fanale anteriore: la luce di posizione è generata dalle due corone esterne unite da due tratti luminosi centrali (la sua potenza è di circa 10 candele). La particolare conformazione del filtro opalino guidaluce crea inoltre un effetto 3D che ricorda la scia di fuoco dei postbruciatori nei motori dei jet da combattimento.
Quando si azionano i freni, e di conseguenza si attiva la luce di stop, invece, a quelli delle due corone circolari si aggiungono i led posizionati nella parte centrale; la potenza totale supera le 100 candele. Come per il gruppo ottico anteriore, il peso del fanale posteriore installato su Moto Guzzi V85 TT è decisamente contenuto, solo 300 grammi.

Gli indicatori di direzione si disattivano in autonomia

Completano il quadro i quattro indicatori di direzione, sempre a Led e caratterizzati da una forma affusolata; si illuminano integralmente sfruttando la luce emessa dal Led opportunamente riflessa da una lente di Fresnel, più efficiente di una tradizionale. Massima la funzionalità anche di questi elementi che sono gestiti da un sistema di reset automatico: una volta attivati, e percorsi almeno 500 metri o trascorsi 40 secondi, si disattivano automaticamente evitando lo spiacevole inconveniente di viaggiare con gli indicatori di direzione attivi anche quando non si è in procinto di svoltare. Una situazione che può essere critica in termini di sicurezza, traendo in inganno gli altri utenti della strada fuorviati sulle intenzioni di chi guida.